Wave of Hope for the Future
LA STORIA

WHF è stato fondato nel campo di Moria da Zekria Farzad, un giornalista fuggito dall'Afghanistan ed arrivato sull'isola di Lesbo in Grecia, con sua moglie e 5 figli nel febbraio 2019. Ha sentito da subito l'urgente bisogno di fornire attenzione ed educazione ai bambini nel campo e ha iniziato a insegnare loro l'inglese con una lavagna bianca su una panchina nell'oliveto, le colline di ulivi che circondano il campo profughi di Moria.

Grazie al sostegno della comunità locale di rifugiati di Moria, che ha offerto le proprie tende per ospitare le lezioni e contribuito a costruire la prima classe ufficiale della scuola (una tenda di 25 metri quadrati fatta di pallet di scarto e teli di plastica), Wave of Hope for the Future è cresciuta costantemente. Fino al momento in cui la scuola è andata a fuoco, durante l'incendio che ha distrutto il campo di Moria l'8 e il 9 settembre 2020, offriva corsi di inglese, greco, tedesco, francese, musica e arte (dalle 7.30 alle 22.30 dal lunedì al venerdì) con 44 insegnanti a oltre 2.700 studenti nel momento.

Nel frattempo alcuni insegnanti rifugiati sono stati trasferiti in altri campi nella Grecia continentale e hanno aperto lì nuove scuole.

Dopo solo un anno e mezzo WHF gestisce scuole in cinque campi profughi in tutta la Grecia con oltre 4.000 studenti rifugiati: Lesbo (all'interno della comunità One Happy Family, in seguito all'incendio ha distrutto la scuola e l'intero campo di Moria nel settembre 2020), Atene (Malakasa e campo di Ritsona), Salonicco (campo di Nea Kavala, Dimitri Hotel) e in Afghanistan (nel distretto di Farza, cento chilometri a nord di Kabul), dove stiamo ricostruendo e ristrutturando una scuola distrutta e abbandonata durante l'occupazione dei talebani quella regione.

Le nostre scuole sono diventate un importante supporto per la popolazione, non solo per quanto riguarda l'istruzione ma anche per quello che riguarda l'organizzazione della comunità e gli aiuti di emergenza. Dopo gli incendi nell'isola di Lesbo, ad esempio, abbiamo organizzato distribuzioni di cibo di emergenza e da marzo 2020 gestiamo il Covid-19 Awareness Team per educare i rifugiati sul virus e distribuire dispositivi di protezione alla comunità.

LA COSTITUZIONE DI WHF

La rapida diffusione delle scuole auto-organizzate sotto l'egida di Wave of Hope for the Future ci ha indirizzato a costituirci come associazione. In quanto rifugiati e richiedenti asilo, non abbiamo potuto registrare la scuola secondo la legge greca.

A luglio 2020, con l'aiuto dei volontari internazionali che hanno sostenuto fin dall'inizio WHF, siamo finalmente riusciti a registrarci come associazione e ad aprire un conto bancario ufficiale in Italia presso Banca Etica.

Wave of Hope for the Future è ora ufficialmente una rete di scuole auto-organizzate e gestite dai rifugiati per rifugiati. Da un'unica scuola a Moria, Wave of Hope for the Future (WHF) è diventato un progetto più ampio che mira a facilitare la creazione di nuove scuole gestite da rifugiati per rifugiati in Grecia e in tutto il mondo. Vogliamo fornire istruzione in condizioni di emergenza e mostrare al mondo il livello di umanità e talento che hanno i rifugiati, nonostante tutte le difficoltà che hanno attraversato e che stanno ancora affrontando all'interno dei campi.

COME SONO ORGANIZZATE LE SCUOLE?

Ogni scuola nella rete WHF e’ costituita da un consiglio scolastico composto da 3 a 5 rifugiati che ha le funzioni di direzione scolastica, gestione delle operazioni e registrazione dei nuovi studenti. Un team di insegnanti rifugiati gestisce le lezioni, propone e coordina le attività educative e ricreative e la distribuzione di materiali didattico agli studenti.

WHF assiste il personale scolastico inviando nelle scuole uno o più volontari internazionali per supportare le operazioni e i contatti con autorità, le altre associazioni e gli attori locali al fine di organizzare eventi e nuovi progetti, oltre a produrre quotidianamente immagini, video e resoconti delle attività della scuola.

WHF fornisce allo staff della scuola tutto il supporto necessario per costruire e gestire la scuola. WHF fornisce i fondi ed il know-how per costruire e ristrutturare la scuola, il materiale didattico per gli studenti, un team di start-up di rifugiati e volontari internazionali per assistere in ogni esigenza la scuola durante i primi mesi di attività o durante l’avvio di nuovi progetti. 

Tutte le scuole del network WHF offrono lezioni di inglese, musica, arte ed attività ricreative per i bambini. Alcune scuole del network offrono anche lezioni di tedesco, francese, greco, computer, yoga ed altre attività su proposta della comunità, come la costituzione di squadre di calcio e di pallavolo femminile e maschile.

IT